Logo Corte Suprema Olanda

Possiamo assisterti nel tuo ricorso davanti alla Corte Suprema? Non esita a chiamarci a +31-43-7676213 o a contattarci in un altro modo!

Su questa pagina: Cos’è cassazione? | Il procedimento | Perché ricorrere in cassazione | Costi | Altri procedimenti presso la Corte Suprema

Cos’è cassazione?

Dopo la sentenza in appello, si deve decidere sul ricorso di cassazione. Il ricorso di cassazione è un mezzo di impugnazione ordinario tramite il quale l’impugnante lamenta un errore di diritto compiuto dal giudice nell’applicazione delle norme di diritto sostanziale (cosiddetto error in iudicando) o di diritto processuale (error in procedendo). Dunque, i fatti non sono giudicati di nuovo in cassazione. Il ricorso viene giudicato dalla Corte suprema di Cassazione Olanda. A differenza del giudizio d’appello dove il giudice ha, salvo alcuni limiti, i poteri cognitivi del giudice di primo grado – i giudici della Corte di Cassazione possono decidere soltanto nell’ambito dei motivi palesati dalla difesa (o dal pubblico ministero). Per il ricorso per cassazione è importante che in primo e secondo grado la difesa sia condotta in modo giusto. È utile quindi farsi assistere in queste procedure da un avvocato esperto in materia penale.

Il procedimento in cassazione

Il ricorso per cassazione in materia penale è previsto negli articoli 427-444 del Codice di procedura penale olandese. Salvo eccezioni, l’intero processo di cassazione si svolge in forma scritta, quindi senza udienza. In breve, il procedimento presso la Corte Suprema consiste delle seguenti fasi.

  1. Il primo atto è una dichiarazione di ricorso per cassazione, da presentare presso la cancellaria della corte d’appello che ha emanato la sentenza impugnata e entro 14 giorni. Può essere presentato dall’imputato, dal suo difensore o altra persona con una procura specifica.
  2. Trova un avvocato iscritto in Olanda con esperienza nel procedimento di cassazione penale: è obbligatorio l’assistenza di un difensore.
  3. Il fascicolo viene inviato dalla corte d’appello alla Corte Suprema.
  4. Dopo l’invio, l ‘imputato ottiene un avviso dello stesso. Questo è il momento in cui inizia il termine per la presentazione dei motivi.
  5. Poi arriva l’atto chiave: l’avvocato presenta la memoria con lamenti specifici riguardante le decisioni nella sentenza impugnata.
  6. Il procuratore generale presso la Corte Suprema base il suo parere, la conclusione, su tale memoria. In certi casi, la Corte Suprema termina il procedimento già in questa fase.
  7. La difesa può replicare in un commento scritto.
  8. Infine la Corte Suprema emana la sentenza. Se il ricorso non è (del tutto) rigettato, la sentenza impugnata viene (in parte) annullata. Successivamente la Corte Suprema giudica il caso o rinvia il giudizio a una corte d’appello. Questa potrebbe essere la stessa corte d’appello che ha pronunciato la sentenza annullata, o un’altra.

Questo procedimento dura circa due anni, ma la durata varia molto.

Perché ricorrere in cassazione

Se il giudice ha commesso un errore nel tuo svantaggio, è chiaro che ricorri in cassazione. Ma anche se la sentenza del giudice a prima vista sembra corretta, l’imputato può benificiare del ricorso, per alcuni motivi, ad esempio:

  1. Solo dopo il ricorso di cassazione viene steso il verbale dell'(ultima) udienza e (di solito) il sommario delle prove. In questi documenti possono trovarsi errori cruciali che non risultano dalla sentenza stessa.
  2. A causa del ricorso, la sentenza non è ancora definitiva. Perciò, le sanzioni imposte non possono essere eseguiti (rinvio dell’esecuzione). Ritirando il ricorso, si può influenzare quando l’esecuzione può iniziare.
  3. Spesso, ci vuole troppo tempo prima che il fascicolo viene inviata alla Corte Suprema. Ciò può risultare in una diminuzione delle pena come compensazione per la lunga attesa.
  4. Nel frattempo, può cambiare il diritto, ad esempio a causa di una modifica della legge o una sentenza della Corte di Cassazione o della Corte europea. Ciò può avere effetti favorevoli per l’imputato, almeno se il giudizio non è ancora definitivo.

Quindi, anche nel ricorso in cassazione ci sono opportunità per l’imputato!

Costi del procedimento

Nei processi penali non si paga spese di giudizio. Quindi, non si paga la Corte Suprema per il procedimento. Tuttavia, l’imputato è tenuto a farsi rappresentare da un avvocato. Chi non dispone di risorse finanziarie sufficienti per pagare un avvocato, è ammessa al gratuito patrocinio. Questo può essere richiesto al “Raad voor Rechtsbijstand” (Consiglio per l’Assistenza Legale). Questa richiesta possiamo fare per voi. Dirk Daamen lavora in questo modo solo in casi eccezionali. Gli altri avvocati dello studio lo possono fare in tutti i casi.

Altri procedimenti presso la Corte Suprema

Sopra è discusso solo il procedimento nei cosiddetti dagvaardingsprocedures: cioè il procedimento penale, iniziando con un atto di citazione, simile ad un ‘avviso di conclusione delle indagini’ nel diritto italiano. Questa è la procedura più comune presso la Corte Suprema, ma ci sono alcune altre procedure. Ad esempio, si può fare ricorso alla Corte Suprema quando il tribunale ha accolto una richiesta di estradizione o ha respinto il reclamo contro il sequestro di oggetti. Si tratta di decisioni del tribunale che non sono impugnabili in appello: si deve rivolgersi direttamente alla Corte Suprema (‘per saltum’). La Corte Suprema anche giudica le richieste di revisione. In tali procedure speciali spesso applicano regole diverse, ad esempio, il termine entro il quale i fondi di ricorso deve essere presentato.

Possiamo assisterti nel tuo ricorso davanti alla Corte Suprema? Non esita a chiamarci a +31-43-7676213 o a contattarci in un altro modo!